Facciamo la differenza grazie alla nuova ambulanza jet di Babcock Norway

Facciamo la differenza grazie alla nuova ambulanza jet di Babcock Norway

Il 1 luglio 2019 Babcock è subentrata nel contratto per la fornitura del servizio aereo di emergenza medica in Norvegia con ben 11 nuovi aeromobili. Il contratto prevedeva la fornitura di un nuovo jet per garantire maggiore velocità, portata e capacità al servizio aereo di emergenza medica. Dopo un accurato processo di valutazione, la scelta è caduta sul jet Citation Latitude. Il nuovo jet può portare rapidamente fino a cinque membri del personale sanitario più le attrezzature mediche in ogni area del Paese, tra cui le isole Svalbard, una delle zone abitate situate più a nord del mondo.

Il Citation Latitude è la prima ambulanza jet permanente della Norvegia da 30 anni a questa parte. Gli altri dieci aeromobili sono versioni aggiornate degli aerei a elica Beechcraft King Air che da molti anni trasportano pazienti in tutto il Paese. I velivoli King Air sono particolarmente importanti per la preparazione alle emergenze che possono verificarsi nella Norvegia settentrionale, caratterizzata da lunghe distanze, aree scarsamente popolate e piste corte. 

Il Latitude è una risorsa importante nei casi in cui occorre trasportare rapidamente i pazienti o il personale medico. Se un paziente deve essere trasferito da Tromsø a nord verso Oslo a sud (una distanza di 1200 chilometri), il Latitude completerà il viaggio 45 minuti più velocemente di un Beechcraft King Air. La velocità può essere un fattore determinante quando i pazienti si trovano in condizioni critiche.

Il Latitude ha anche dimostrato le sue capacità in fatto di trattamento altamente avanzato a bordo. Nel 2019, Babcock ha trasportato due pazienti che necessitavano di un trattamento ECMO (ossigenazione extracorporea a membrana), simile a quello somministrato dalla macchina cuore‑polmone bypass utilizzata nella chirurgia a cuore aperto. Il trattamento consiste nel pompare e ossigenare il sangue di un paziente fuori dal suo corpo, permettendo al cuore e ai polmoni di riposare. È stata la prima volta che il servizio aereo di emergenza medica in Norvegia è riuscito a caricare e prendersi cura di due di questi pazienti critici in simultanea. Un equipaggio di cinque elementi tra infermieri e medici è riuscito a imbarcarsi con i pazienti per mantenere stabili le loro condizioni.